Il fantasma baciatore testi

IRRICONOSCIBILE AL MATTINO

Dal petto alla fronte
le gambe s’intrecciano
col mare le onde
e i mesi che passano
Dal viso alle labbra
i lividi avvampano
con lacrime e sabbia
che gli occhi consumano
Cosa è rimasto sopra i tuoi seni
se non le impronte delle mie mani
le lunghe carezze gli stanchi abbandoni
le dolci promesse i pallidi freni
Cosa è rimasto sul volto sudato
se non il ricordo che non è passato
se non la tormenta assorbita dal vuoto
che il cuore spaventa nell’attimo muto
Dal braccio alla mano
le ombre si allungano
nel palmo lontano
le luci tramontano
e io che ti sogno
che tutti lo sappiano
io pago il mio pegno
arrivo per ultimo
Esci al mattino e non mi credi
ma sto camminando con i tuoi piedi
sto sorseggiando la tua spremuta
spalando zucchero nella cicuta
Tu che al mattino mi riconosci
da un gesto o un suono tra mille voci
non c’è bisogno che mi perdoni
sono il concorso per i tuoi premi
Io sono il concorso per i tuoi premi

Autore